Il mondo non sarà più come prima. Il discorso storico di Olaf Scholz - Fondazione PER
19816
post-template-default,single,single-post,postid-19816,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Il mondo non sarà più come prima. Il discorso storico di Olaf Scholz

Dichiarazione politica di Olaf Scholz, Cancelliere della Repubblica federale di Germania e membro del Bundestag tedesco,

Berlino, 27 febbraio 2022

 

Signora Presidente,

Illustri colleghi,

Concittadini,

Il 24 febbraio 2022 segna uno spartiacque nella storia del nostro continente.

Con l’attacco all’Ucraina, il presidente russo Putin ha iniziato una guerra di aggressione a sangue freddo.

Per una sola ragione: la libertà del popolo ucraino mette in discussione il suo stesso regime oppressivo.

Questo è disumano.

È una violazione del diritto internazionale.

Non c’è niente e nessuno che possa giustificarlo.

Le terribili immagini di Kyiv, Kharkiv, Odesa e Mariupol mostrano l’assoluta mancanza di scrupoli di Putin.

La spaventosa ingiustizia, il dolore del popolo ucraino, ci colpiscono tutti molto profondamente.

So esattamente quali problemi hanno discusso molte persone in tutto il paese a tavola negli ultimi giorni.

Quali preoccupazioni pesano su di loro, alla luce delle terribili notizie dalle zone di guerra.

Molti di noi ricordano ancora i racconti di guerra dei nostri genitori o dei nostri nonni. E per i più giovani è quasi inconcepibile: la guerra in Europa.

Molti di loro stanno dando voce al loro orrore, in tutto il paese, anche appena fuori davanti al Reichstag.

Stiamo vivendo un’era spartiacque.

E questo significa che il mondo dopo non sarà più lo stesso del mondo prima.

La questione al centro di questo è se il potere può prevalere sulla legge. Se permettiamo a Putin di riportare indietro l’orologio al diciannovesimo secolo e all’età delle grandi potenze.

O se abbiamo in noi la possibilità di tenere sotto controllo i guerrafondai come Putin.

Ciò richiede la nostra forza.

Sì, intendiamo garantire pienamente la nostra libertà, la nostra democrazia e la nostra prosperità.

E le sono molto grato, signora Presidente, per avermi permesso di utilizzare la sessione speciale di oggi per condividere con lei ciò che il governo federale ha in mente.

Ringrazio inoltre i capi di tutti i gruppi parlamentari democratici in quest’Aula per aver sostenuto questa sessione.

Signore e signori,

Con l’attacco all’Ucraina, Putin non sta solo cercando di cancellare un paese indipendente dalla mappa.

Sta demolendo l’ordine di sicurezza europeo che era prevalso per quasi mezzo secolo dall’Atto finale di Helsinki.

Si sta anche isolando dall’intera comunità internazionale.

Le nostre ambasciate in tutto il mondo hanno collaborato con la Francia negli ultimi giorni per sostenere che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite chiami questa aggressione russa per quello che è: una flagrante violazione del diritto internazionale.

E lo hanno fatto con successo, considerando il risultato della sessione del Consiglio di sicurezza a New York.

Le consultazioni hanno mostrato che non siamo affatto soli nel nostro impegno per la pace.

Continueremo a sostenerlo, con tutte le nostre forze.

Sono molto grato al ministro degli Esteri Baerbock per ciò che ha ottenuto in questo senso.

Solo ricorrendo al suo veto Mosca – che dopotutto è un membro permanente del Consiglio di sicurezza – ha potuto evitare di essere censurata.

Che vergogna!

Il presidente Putin parla sempre di sicurezza indivisibile. Ma quello che veramente cerca ora è dividere il continente nelle familiari vecchie sfere di influenza attraverso la forza armata.

Ciò ha conseguenze per la sicurezza in Europa.

Sì, a lungo termine la sicurezza in Europa non può essere raggiunta in opposizione alla Russia.

Ma per il prossimo futuro, Putin sta mettendo a repentaglio questa sicurezza.

Questo è il motivo per cui dico molto chiaramente che accettiamo la sfida che ora ci troviamo di fronte, con determinazione.

Ci sono cinque linee di azione che dobbiamo intraprendere:

In primo luogo, dobbiamo sostenere l’Ucraina in questa situazione disperata.

Abbiamo già fornito un supporto significativo nelle ultime settimane, mesi e anni.

Ma con l’attacco all’Ucraina siamo entrati in una nuova era.

A Kiev, Kharkiv, Odesa e Mariupol, le persone non stanno solo difendendo la loro patria.

Stanno combattendo per la libertà e la loro democrazia.

Per i valori che condividiamo con loro.

Come democratici, come europei, siamo al loro fianco – dalla parte giusta della storia!

Con il suo attacco all’Ucraina di giovedì, il presidente Putin ha creato una nuova realtà. Questa nuova realtà richiede una risposta inequivocabile.

Ne abbiamo dato uno.

Come sapete, ieri abbiamo deciso che la Germania fornirà all’Ucraina armi per la difesa del Paese. 

Nessun’altra risposta all’aggressione di Putin era possibile.

Signore e signori,

La seconda linea d’azione che dobbiamo intraprendere è deviare Putin dal sentiero della guerra.

Questa guerra è una catastrofe per l’Ucraina. Tuttavia, si rivelerà una catastrofe anche per la Russia.

Insieme ai capi di Stato e di governo dell’UE, abbiamo approvato un pacchetto di sanzioni di portata senza precedenti.

  • Stiamo tagliando i finanziamenti alle banche russe e alle imprese statali.
  • Stiamo impedendo l’esportazione di tecnologia all’avanguardia in Russia.
  • E stiamo prendendo di mira gli oligarchi ei loro investimenti nell’UE.
  • A ciò si aggiungono le misure punitive nei confronti di Putin e delle persone a lui vicine e le restrizioni alla concessione dei visti ai funzionari russi.
  • E stiamo escludendo le principali banche russe dalla rete di comunicazione bancaria Swift. Su questo abbiamo raggiunto ieri un accordo con i Capi di Stato e di governo delle democrazie con le economie più forti e dell’UE.

Non dobbiamo farci illusioni: Putin non cambierà rotta dall’oggi al domani.

Ma la leadership russa vedrà molto presto quale prezzo elevato pagherà.

Solo nell’ultima settimana, le azioni russe hanno perso oltre il trenta per cento del loro valore.

Questo dimostra che le nostre sanzioni stanno funzionando.

E non abbiamo escluso ulteriori sanzioni: nulla è fuori discussione.

Il nostro principio guida rimane la questione di cosa avrà il maggiore impatto sui responsabili.

Gli individui di cui si tratta.

E non il popolo russo.

Perché Putin, non il popolo russo, ha deciso di iniziare questa guerra.

E quindi va detto chiaramente che questa guerra è la guerra di Putin!

Per me è importante specificarlo. Perché la riconciliazione tra tedeschi e russi dopo la seconda guerra mondiale è – e rimane – un capitolo importante della nostra storia comune.

E so quanto sia difficile per le tante persone nel nostro paese che sono nate in Ucraina o in Russia sopportare la situazione attuale.

Non permetteremo, quindi, che questo conflitto tra Putin e il mondo libero porti alla riapertura di vecchie ferite ea nuovi focolai di ostilità.

E c’è un’altra cosa che non dobbiamo dimenticare: in molte città russe in questi giorni la gente comune ha protestato contro la guerra di Putin, ha corso il rischio di essere arrestata e punita.

Ciò richiede grande coraggio e vero coraggio!

Oggi la Germania sta con il popolo ucraino. Il nostro pensiero e la nostra solidarietà vanno oggi alle vittime della guerra d’aggressione russa.

E, allo stesso modo, siamo dalla parte di tutti coloro in Russia che stanno coraggiosamente sfidando il regime di Putin e si oppone alla sua guerra contro l’Ucraina. Sappiamo che ce ne sono molti.

Il mio messaggio per tutti loro è: non mollate! Sono abbastanza sicuro che la libertà, la tolleranza ei diritti umani prevarranno anche in Russia.

Signore e signori,

La terza grande sfida consiste nell’impedire alla guerra di Putin di estendersi ad altri paesi europei.

Ciò significa che sosterremo incondizionatamente il nostro obbligo di difesa collettiva all’interno della NATO. 

Ho detto lo stesso ai nostri alleati nell’Europa centrale e orientale, preoccupati per la loro sicurezza.

Il presidente Putin non dovrebbe sottovalutare la nostra determinazione a difendere ogni metro quadrato di territorio della NATO insieme ai nostri alleati!

Siamo assolutamente seri su questo. Quando diamo il benvenuto a un paese nella NATO, ci impegniamo a difendere quel paese come partner e alleato. Così come ci difenderemmo!

La Bundeswehr ha già rafforzato il suo sostegno ai nostri alleati orientali e continuerà a farlo.

Ringrazio il Ministro Federale della Difesa per questo gesto importante!

  • Abbiamo dispiegato truppe aggiuntive in Lituania, dove guidiamo il gruppo tattico della NATO.
  • Abbiamo esteso e rafforzato la nostra partecipazione alla polizia aerea in Romania.
  • Vogliamo contribuire alla creazione di una nuova unità NATO in Slovacchia.
  • La nostra marina sta aiutando a proteggere il Mare del Nord, il Baltico e il Mediterraneo con ulteriori navi.
  • E siamo anche pronti a contribuire alla difesa dello spazio aereo dei nostri alleati nell’Europa orientale utilizzando missili antiaerei.

I nostri soldati hanno spesso avuto poco tempo per prepararsi a questi schieramenti negli ultimi giorni.

Il mio messaggio per loro, e sono sicuro che siete d’accordo, è: Grazie! 

Grazie per il vostro prezioso servizio, in particolare in questo momento!

Signore e signori,

In vista dello spartiacque che l’aggressione di Putin comporta, il nostro standard è questo: ciò che è necessario per garantire la pace in Europa sarà fatto.

La Germania contribuirà con la sua quota a questi sforzi in uno spirito di solidarietà.

Ma affermarlo forte e chiaro oggi non è abbastanza. Per renderlo possibile, la Bundeswehr ha bisogno di nuove e forti capacità.

E questo è il quarto punto che voglio affrontare, onorevoli colleghi. 

Chiunque legga i saggi storicizzanti di Putin, chi abbia assistito alla sua dichiarazione di guerra televisiva all’Ucraina, o chi abbia recentemente – come ho fatto io – avuto ore di colloqui diretti con lui, non può più avere alcun dubbio sul fatto che Putin voglia costruire un impero russo .

Vuole ridefinire radicalmente lo status quo all’interno dell’Europa in linea con la sua visione. E non ha scrupoli a usare la forza militare per farlo.

Lo possiamo vedere oggi in Ucraina.

Dobbiamo quindi chiederci: quali capacità possiede la Russia di Putin?

E di quali capacità abbiamo bisogno per contrastare questa minaccia, oggi e in futuro?

È chiaro che dobbiamo investire molto di più nella sicurezza del nostro Paese. Per proteggere la nostra libertà e la nostra democrazia.

Questa è una grande impresa nazionale.

L’obiettivo è una Bundeswehr potente, all’avanguardia e progressista su cui fare affidamento per proteggerci.

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di una settimana fa ho detto che abbiamo bisogno di aeroplani che volino, navi che possano prendere il mare e soldati perfettamente equipaggiati per le loro missioni.

Questo è ciò che è importante.

Ed è certamente qualcosa che un paese delle nostre dimensioni e della nostra importanza in Europa dovrebbe essere in grado di realizzare.

Ma non dovremmo farci illusioni. Attrezzature migliori, tecnologia moderna, più personale: tutto questo costa un sacco di soldi.

Quindi istituiremo un fondo speciale per la Bundeswehr. E sono profondamente grato al ministro federale delle finanze Lindner per il suo sostegno su questo!

Il bilancio federale 2022 prevede una somma una tantum di 100 miliardi di euro per il fondo. Useremo questo denaro per gli investimenti necessari e per i progetti di armamento.

Ora, anno dopo anno, investiremo più del due per cento del nostro prodotto interno lordo nella nostra difesa.

E ora faccio appello a tutti i gruppi parlamentari all’interno del Bundestag tedesco: dobbiamo garantire questo fondo speciale nella nostra Legge fondamentale!

C’è una cosa che vorrei aggiungere. Abbiamo fissato questo obiettivo non solo perché abbiamo promesso ai nostri amici e alleati di aumentare le nostre spese per la difesa al due percento della nostra produzione economica entro il 2024.

Lo stiamo facendo anche per noi, per la nostra sicurezza.

Nella consapevolezza che la Bundeswehr da sola non ha i mezzi per contenere tutte le future minacce.

  • Abbiamo quindi bisogno di una forte cooperazione allo sviluppo.
  • Rafforzeremo quindi la nostra resilienza – in termini di tecnologia e come società – ad esempio contro gli attacchi informatici e le campagne di disinformazione, contro gli attacchi alle nostre infrastrutture critiche e ai canali di comunicazione.

E staremo al passo con le nuove tecnologie.

  • Questo è il motivo per cui è così importante per me, ad esempio, costruire la prossima generazione di aerei da combattimento e carri armati qui in Europa insieme ai partner europei, e in particolare alla Francia. Questi progetti sono la nostra massima priorità.

Fino a quando l’aereo non sarà operativo, continueremo a sviluppare insieme l’Eurofighter.

  • Un altro sviluppo incoraggiante è che i contratti per l’Eurodrone sono stati finalmente firmati questa settimana.

Stiamo anche portando avanti l’acquisto del drone armato Heron da Israele.

  • E per quanto riguarda la condivisione nucleare, procureremo in tempo un moderno sostituto degli obsoleti jet Tornado.

L’Eurofighter sarà dotato di capacità di guerra elettronica.

Il jet da combattimento F-35 ha il potenziale per essere utilizzato come aereo da trasporto.

E infine, onorevoli colleghi, faremo di più per garantire un approvvigionamento energetico sicuro per il nostro Paese.

Il governo federale ha già avviato un’importante misura per affrontare questo problema.

E cambieremo rotta per eliminare la nostra dipendenza dalle importazioni dai singoli fornitori di energia.

Dopotutto, gli eventi degli ultimi giorni e settimane ci hanno mostrato che una politica energetica responsabile e lungimirante non è solo cruciale per la nostra economia e il nostro clima.

È anche fondamentale per la nostra sicurezza.

Ciò significa che quanto più velocemente si procede con lo sviluppo delle energie rinnovabili, tanto meglio.

E siamo sulla strada giusta. Siamo un paese industrializzato che mira a diventare carbon neutral entro il 2045!

Con questo obiettivo all’orizzonte, dovremo prendere decisioni importanti.

  • Ad esempio, sulla creazione di una riserva di carbone e gas.

Abbiamo deciso di aumentare a due miliardi di metri cubi la quantità di gas naturale in stoccaggio tramite opzioni a lungo termine. Inoltre, acquisiremo ulteriore gas naturale sui mercati mondiali, in consultazione con l’UE.

  • Infine, abbiamo deciso di costruire rapidamente due terminali GNL a Brunsbüttel e Wilhelmshaven.

Vorrei ringraziare espressamente il ministro federale dell’economia Habeck per i suoi sforzi volti a facilitare questo!

Le nostre attuali esigenze a breve termine possono coincidere con ciò che è già necessario a lungo termine affinché la trasformazione abbia successo.

Un terminale GNL che oggi riceve gas può domani essere utilizzato per importare idrogeno verde.

E in mezzo a tutto questo, ovviamente, non perderemo di vista i prezzi elevati dell’energia.

Ora sono stati ulteriormente spinti dalla guerra di Putin.

Questa settimana abbiamo quindi concordato un pacchetto di agevolazioni, che include la revoca della sovrattassa ai sensi della legge sulle fonti di energia rinnovabile entro la fine di quest’anno, nonché un aumento della detrazione fiscale per i pendolari, un sussidio per il riscaldamento per i lavoratori a basso reddito, sussidi per le famiglie e misure di sgravio fiscale.

Il governo federale agirà rapidamente per metterli in moto.

Il nostro messaggio è chiaro. Non lasceremo che individui e aziende affrontino da soli questa situazione.

Signore e signori,

Questo spartiacque non riguarda solo il nostro Paese. Colpisce tutta l’Europa.

E anche questa è sia una sfida che un’opportunità.

La sfida consiste nel rafforzare la sovranità dell’Unione europea in modo sostenibile e permanente.

L’opportunità sta nel preservare il fronte unito che abbiamo dimostrato in questi giorni nell’accordo sul pacchetto sanzioni.

Per la Germania e per tutti gli altri Stati membri dell’UE, ciò significa non semplicemente chiedere cosa possono estrarre a Bruxelles per il proprio paese.

Ma chiedersi: qual è la decisione migliore per la nostra Unione?

L’Europa è il nostro quadro d’azione.

Solo quando lo capiremo prevarremo sulle sfide del nostro tempo.

E questo mi porta al mio quinto e ultimo punto. La guerra di Putin segna un punto di svolta – e questo vale anche per la nostra politica estera.

Quanta diplomazia possibile, senza essere ingenui: questo è ciò per cui continueremo a lottare.

Ma non essere ingenui significa anche non parlare semplicemente per il gusto di parlare.

Il vero dialogo richiede la volontà di impegnarsi, da entrambe le parti.

Ciò manca da parte di Putin, abbastanza chiaramente – e non solo negli ultimi giorni e settimane.

Cosa significa questo per il futuro?

Non rifiuteremo i colloqui con la Russia.

Anche in questa situazione estrema, è compito della diplomazia mantenere aperti i canali di comunicazione.

Qualsiasi altra cosa, credo, sarebbe irresponsabile.

Signore e signori,

Sappiamo cosa rappresentiamo, non ultimo data la nostra stessa storia.

Sosteniamo la pace in Europa.

  • Non accetteremo mai l’uso della forza come strumento politico. 
  • Sosterremo sempre la risoluzione pacifica dei conflitti.
  • E non ci fermeremo finché non sarà assicurata la pace in Europa.

E non siamo soli in questo: siamo raggiunti dai nostri amici e partner in Europa e nel mondo.

La nostra più grande forza sono le nostre alleanze!

A loro dobbiamo la grande fortuna che il nostro Paese ha goduto per oltre trent’anni:

Vivere in un paese unito, in prosperità e in pace con i nostri vicini.

Se vogliamo che gli ultimi trent’anni siano più di un’eccezione storica, allora dobbiamo fare tutto il possibile per mantenere la coesione dell’Unione Europea, la forza della NATO, per stringere relazioni ancora più strette con i nostri amici, i nostri partner e tutti coloro che condividono le nostre convinzioni in tutto il mondo.

Sono assolutamente fiducioso che possiamo riuscire in questo. Perché raramente noi e i nostri partner siamo stati così risoluti e così uniti.

Ciò che ci unisce in questo momento è che conosciamo la forza delle democrazie libere.

Sappiamo che quando qualcosa trova un ampio consenso tra i politici e il pubblico, durerà, anche in questo momento spartiacque e oltre.

Ringrazio quindi lei e tutti i gruppi parlamentari di quest’Aula che hanno condannato inequivocabilmente l’invasione russa dell’Ucraina per quello che è: un attacco assolutamente ingiustificato a un paese indipendente, all’ordine pacifico in Europa e nel mondo.

La proposta di risoluzione odierna lo esprime molto chiaramente.

Ringrazio tutti coloro che hanno preso posizione contro la guerra di Putin e che si sono riuniti qui a Berlino e altrove per manifestazioni pacifiche.

E ringrazio tutti coloro che sono con noi in questo momento per un’Europa libera e aperta, equa e pacifica.

Lo difenderemo.

Grazie mille!

redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.