Kaja Kallas al Parlamento europeo: "Guarda sempre da che parte vanno i rifugiati" - Fondazione PER
19861
post-template-default,single,single-post,postid-19861,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Kaja Kallas al Parlamento europeo: “Guarda sempre da che parte vanno i rifugiati”

Onorevole Presidente Metsola,

Stimati deputati al Parlamento europeo,

Cari ospiti,

È un onore e un privilegio potermi rivolgere a voi oggi. Il Parlamento europeo non è solo una grande casa della democrazia europea; è stata anche la mia base politica per quattro anni. Così qui mi sento a casa, tra amici.

Purtroppo, i nostri colleghi europei in Ucraina non possono dire lo stesso. Stanno combattendo per la loro patria, per i loro cari, per la loro libertà di scegliere il proprio destino. Le forze armate ucraine stanno opprimendo una feroce resistenza che il presidente Putin non si aspettava.

La gente comune è per le strade mostrando la bandiera all’esercito invasore, invitandolo a tornare a casa. Gli agricoltori ucraini sono diventati famosi per aver rimorchiato a casa i carri armati catturati. Una storia che circola sui social media parla addirittura di una donna che ha abbattuto un drone russo dal suo balcone lanciandogli un barattolo di sottaceti. (Ha contestato che in realtà si trattasse di pomodori in salamoia). “Come”, chiede il commentatore, “si aspettavano di occupare questo paese?”

Allo stesso tempo, molti altri stanno attraversando i confini: oltre 2 milioni hanno raggiunto la sicurezza nell’Unione europea.

Questi rifugiati continueranno ad arrivare. Nelle parole di un operatore umanitario, “in un conflitto, guarda sempre da che parte stanno andando i rifugiati”. Nella guerra in corso, sono diretti verso l’UE, non verso la Russia.

La guerra di Putin è un atto di cruda aggressione militare contro un paese indipendente e sovrano che non vuole altro che realizzare il proprio sogno europeo. L’obiettivo è terrorizzare i civili. L’abbiamo già visto a Grozny e Aleppo: asili nido, ospedali, edifici residenziali sono presi di mira, in violazione del diritto umanitario internazionale.

Avete fatto scrolling sui vostri telefoni proprio come me. Quindi non ho bisogno di parlarvi delle atrocità che si verificano ora, ogni giorno, in posti come Kharkiv, Mariopul e Kyiv, dove molte persone sono senza acqua, elettricità, cibo.

La guerra di Putin ha anche lasciato i russi comuni senza accesso alla verità: vivono in un’infospazio isolato. Pensavamo che in tempi in cui abbiamo Internet, questo non fosse più possibile. Ma lo è. Il nostro compito è rompere questo muro di bugie. È un compito complicato, dobbiamo mobilitare il nostro potenziale tecnologico per vincere la guerra per la verità. E va da sé che le piattaforme Internet globali hanno un ruolo enorme da svolgere.

Se mi permette, signora Presidente, vorrei anche rivolgermi direttamente al popolo russo.

Cari amici russi, l’Unione europea non agisce contro di voi. Le nostre misure hanno lo scopo di isolare il presidente Putin e il suo governo, che sta conducendo una guerra brutale contro l’Ucraina. Ora state vedendo solo l’inizio di una privazione che diventerà molto peggiore con l’entrata in vigore delle nostre sanzioni. Il vostro governo sta già istituendo pratiche che mi sono familiari dall’epoca sovietica. Come la censura. Come minacciare i giornalisti con 15 anni di reclusione per aver parlato della guerra. Come il razionamento dei generi alimentari. Come chiedere agli insegnanti di riferire sulle simpatie politiche dei loro alunni e dei loro genitori. Le compagnie globali si stanno ritirando dalla Russia, le compagnie aeree non volano più, non puoi più usare VISA e Mastercard.

Niente di tutto questo è diretto contro di voi. È diretto contro il presidente Putin e il suo governo. Capiamo che fa male a voi, come fa male anche a noi.

Vi fa male perché l’autocrate non si preoccupa delle persone, si preoccupa solo del suo potere. È qualcosa che è così difficile da capire nel mondo democratico.

Il premio Nobel per la pace dell’anno scorso, il caporedattore della Novaya Gazeta, Dmitri Muratov, ha definito questa questione così: “le persone per lo stato o lo stato per le persone”.

Cari amici russi, continuiamo a sperare in una Russia democratica e stabile, rispettosa dei suoi vicini e governata dallo Stato di diritto.

 

* * *

 

Signora Presidente, cari deputati,

Dal 24 febbraio, che casualmente è stato il 104° anniversario dell’indipendenza dell’Estonia, il mondo è cambiato. L’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Putin ha inaugurato un periodo di insicurezza nel nostro continente che non vedevamo dal 1939. E come abbiamo visto dopo la seconda guerra mondiale, il nostro mondo non tornerà allo status quo ante.

Il rapporto della Russia con il mondo esterno sarà diverso.

Come ripristinare la fiducia nel rispetto del diritto e dell’ordine internazionale? Gli atteggiamenti europei nei confronti della sicurezza saranno diversi e le nostre strutture istituzionali dovranno adeguarsi. E avremmo potuto semplicemente riscoprire in cosa consisteva in primo luogo l’ordine liberale e internazionale basato su regole.

In breve, parleremo, in futuro, di un ‘prima’ e di un ‘dopo’.

Il mondo libero ha già iniziato a rispondere. E l’Unione europea è stata in prima linea in questa risposta. Che di per sé è un gradito cambiamento. L’UE non è normalmente considerata un’organizzazione particolarmente agile. Ma in termini di sicurezza, siamo cambiati di più nelle ultime due settimane che nei trent’anni precedenti.

Abbiamo imposto tre pacchetti di severe sanzioni in aggiunta a quelle esistenti dall’invasione russa del Donbas e dall’annessione della Crimea nel 2014. Abbiamo congelato beni, bloccato l’accesso di Mosca alle sue riserve detenute all’estero e cacciato la Russia da SWIFT. Abbiamo chiuso il nostro spazio aereo agli aeromobili registrati, di proprietà e operati dalla Russia. Abbiamo chiuso i canali di disinformazione mascherati da mezzi di comunicazione. E abbiamo agito per utilizzare il Fondo europeo per la pace per inviare mezzo miliardo di euro in armi difensive tanto necessarie e aiuti non letali in Ucraina.

L’UE ha agito con urgenza, convinzione e unità che hanno sorpreso il presidente Putin. E il mondo. E oserei dire che ci siamo sorpresi noi stessi. Abbiamo, infatti, agito come un’Unione geopolitica.

Anche i nostri cittadini hanno risposto. Aprendo i loro portafogli e i loro cuori. Accogliendo i rifugiati, spesso nelle proprie case. Facendo volontariato in missioni umanitarie. Raccogliendo cibo, vestiti e medicine per chi fugge dalla guerra. Non dimentichiamo i pescatori irlandesi. I nostri cittadini stanno dimostrando una generosità di spirito che mi rende orgoglioso di essere estone e orgoglioso di essere europeo.

Conosco un po’ la gentilezza degli estranei. Come molti di voi sapranno, sono figlia di deportati che Stalin mandò in Siberia. Mia madre aveva appena sei mesi quando fu deportata su un carro bestiame, insieme a sua madre e sua nonna, in quella che gli estoni chiamano “la Terra Fredda”. È stato uno sconosciuto a dare a mia nonna un barattolo di latte che ha tenuto in vita mia madre durante il viaggio. Sono stati degli estranei ad asciugare i pannolini del bambino sulla loro pelle poiché era l’unico posto caldo nel carro bestiame. E sono stati degli estranei che hanno aiutato in modi indicibili quando è stato loro permesso di tornare in Estonia.

Quindi si potrebbe dire che noi estoni abbiamo una certa esperienza nell’essere deportati e nel fuggire dalle guerre. E abbiamo anche una certa esperienza con la Russia, che abbiamo cercato di condividere con l’UE da quando abbiamo aderito. Oggi sono trascorsi 78 anni da quando l’Armata Rossa ha raso al suolo la mia città natale, Tallinn.

Ma mia madre, quella stessa bambina che ha fatto il suo primo viaggio all’estero in Siberia, mi ha sempre insegnato che era scortese dire “Te l’avevo detto”.

 

* * *

 

Signora Presidente, cari deputati,

Ne avremo per un bel po’. Dovremo esercitare una pazienza strategica, perché domani non scoppierà la pace. La Russia si aspetta che facciamo presto un passo indietro. Come ha spiegato Dmitri Medvedev a Putin in una recente riunione pubblica del Consiglio di sicurezza russo. Cito: “Prima o poi loro (l’Occidente) si stancheranno della loro stessa iniziativa, verranno a chiederci di tornare a discussioni e negoziati riguardanti tutte le questioni di sicurezza strategica”. Fine della citazione. Putin verrà a metterci alla prova e sì, dovremo resistere.

Ciò significa che dobbiamo continuare a sostenere coloro che lottano per l’indipendenza dell’Ucraina, concedendo tempo affinché le sanzioni e le misure di isolamento funzionino a pieno regime.

Ciò richiederà uno sforzo costante da parte di tutti noi. Ma dobbiamo anche pensare a cosa verrà dopo.

Vedo due aree di azione.

In primo luogo, dobbiamo installare il nostro cambiamento fondamentale in una politica di “Smart Containment”.

Vogliamo tutti una Russia democratica e sicura. Questa Camera ha espresso questo desiderio l’anno scorso quando ha onorato il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny con il Premio Sacharov.

Ma quello significa che ora dobbiamo consolidare ciò che il mondo libero ha realizzato nelle ultime settimane e costruirci sopra. Dobbiamo farlo insieme ai nostri fidati partner transatlantici e ad altri che la pensano allo stesso modo. E ci sono molti partner che la pensano allo stesso modo: se si guarda all’Assemblea generale delle Nazioni Unite della scorsa settimana, la stragrande maggioranza della comunità mondiale, 141 stati, ha votato per condannare l’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina. Questo voto dimostra non solo una vittoria per il multilateralismo, ma una vittoria per lo Stato di diritto.

Dobbiamo anche dare collettivamente il nostro più forte sostegno alla Corte penale internazionale una volta che sarà il momento. La scorsa settimana, il procuratore della CPI Karim Khan ha annunciato che trentanove Stati parti dello Statuto di Roma avevano deferito la situazione al suo ufficio. Ciò gli consente di portare avanti le indagini su eventuali crimini di guerra passati e presenti, crimini contro l’umanità o genocidio commessi in qualsiasi parte del territorio dell’Ucraina da qualsiasi persona.

Qui nell’UE, dobbiamo spingere sempre più forte per ridurre la nostra dipendenza energetica dal gas e dal petrolio russi. Poiché ci siamo già impegnati in una transizione verde, questo sarà un vantaggio per la nostra indipendenza energetica e per il pianeta. Dobbiamo anche muoverci rapidamente per sincronizzare la rete elettrica dell’Ucraina con quella dell’Europa continentale. E assicurarci che anche tutte le parti dell’UE siano sincronizzate in quella griglia continentale.

Passando alla difesa: le nostre decisioni della scorsa settimana di utilizzare il Fondo europeo per la pace per assistere l’Ucraina non sono che un primo passo verso il rafforzamento della nostra sicurezza continentale. Dobbiamo trasformare la nostra posizione deterrente in un piano di difesa.

Sono consapevole del fatto che non tutti gli Stati membri dell’UE sono alleati della NATO. Quando mio padre guidava i negoziati estoni per entrare a far parte della NATO, gli veniva spesso chiesto “Perché ne hai bisogno? La Russia non rappresenta più una minaccia”. Bene, conoscevamo il nostro prossimo allora e conosciamo il nostro prossimo adesso. Non posso che essere grata per la decisione di entrare a far parte dell’alleanza di difesa. Ma far parte dell’alleanza comporta anche degli obblighi. L’obiettivo di spesa per la difesa del due per cento del PIL deve diventare un requisito minimo assoluto. L’Estonia lo ha deciso già 10 anni fa. E permettetemi qui di ringraziare la Germania per aver preso la decisione prima inimmaginabile di aumentare la spesa per la difesa al due per cento. Tutta l’Europa la ringrazia.

Lasciatemi dire qui chiaramente che, mentre rafforziamo la difesa europea, dobbiamo lavorare fianco a fianco con la NATO. Di volta in volta abbiamo convenuto che un’Europa più forte significa una NATO più forte, proprio come una NATO più forte implica una difesa europea più forte. Attendo con impazienza una terza dichiarazione congiunta tra l’UE e la NATO sulla questione.

Una difesa europea più forte significa pianificare le nostre spese in modo saggio e coordinato. Dobbiamo concentrarci su quelle capacità che sono troppo costose per essere sviluppate da un singolo Stato membro, come la difesa aerea a lungo raggio, compresa la difesa missilistica.

Le nostre capacità europee devono essere mobili, quindi possiamo spostarle rapidamente se necessario. E devono essere all’avanguardia. La Russia può avere un’enorme forza militare, ma possiamo competere con una tecnologia rivoluzionaria di qualità. Esorto tutti gli Stati membri a presentare solo progetti PESCO che portino in campo un’innovazione tecnologica.

Ed ecco un pensiero che fa riflettere: rafforzando la difesa europea, dobbiamo trovare un consenso all’interno dell’UE sul fatto che, a volte, il modo migliore per raggiungere la pace è la volontà di usare la forza militare.

Questi sono i miei pensieri sulla necessità di una politica di contenimento intelligente.

Vorrei ora passare alla seconda area su cui dovremmo concentrarci mentre pensiamo al nuovo ordine postbellico.

Questo è il futuro dell’Ucraina.

Signora Presidente, cari deputati,

L’Ucraina è stata attaccata nel 2014 perché voleva entrare nell’Unione Europea. È stata attaccata con le armi il 24 febbraio perché cerca di prendere il posto che le spetta tra noi. È nel nostro interesse che l’Ucraina diventi più stabile, più prospera e solidamente fondata sullo Stato di diritto. So per esperienza personale dell’Estonia che è così che funziona.

Ma non è solo nel nostro interesse dare all’Ucraina una prospettiva di adesione; è anche nostro dovere morale farlo. L’Ucraina sta combattendo non solo per l’Ucraina, sta combattendo per l’Europa.

Se non ora, quando?

Grazie per la vostra attenzione.

redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.