La memoria di Biden - Fondazione PER
20933
post-template-default,single,single-post,postid-20933,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

La memoria di Biden

di Alessandro Maran
🇺🇸 Anche per Alexandria Ocasio-Cortez, che minimizza le preoccupazioni relative all’età, Biden è “uno dei presidenti di maggior successo nella storia americana moderna” (👉 https://nypost.com/…/aoc-insists-biden-is-one-of-the…/). Tuttavia, l’età di Biden, in questi giorni, è il tema al centro della discussione.
«”Non sono un truffatore.” “Non esiste alcuna dominazione sovietica dell’Europa orientale”. “Non ho avuto rapporti sessuali con quella donna.” Un presidente che nega la realtà non è una novità», ha scritto Gerard Baker su The Wall Street Journal. «A volte si tratta di una bugia autoprotettiva (👉 https://www.youtube.com/watch?v=sh163n1lJ4M). A volte è un’emanazione distorta che scaturisce dl cervello di un leader stanco (👉 https://www.nytimes.com/…/ford-denies-moscow-dominates…). A volte si tratta di una tortuosa formulazione verbale per convincere tutti noi che la nostra percezione di una verità lampante sia in qualche modo falsa (👉 https://www.washingtonpost.com/…/whatclintonsaid.htm). Funziona raramente. In ciascuna di queste occasioni, il presidente in carica non è riuscito a convincere nessuno (…) “La mia memoria è buona” (👉 https://www.axios.com/…/biden-special-counsel-report…) sembra destinato ad aggiungersi a queste rimostranze presidenziali come monumenti verbali all’irrilevanza», ha scritto Baker dopo che, la scorsa settimana, con queste parole Joe Biden ha difeso la sua facoltà della memoria (👉 https://www.wsj.com/…/my-memory-is-fine-another…).
Fatto sta che mentre l’ex presidente Donald Trump suscitava una tempesta di polemiche affermando che avrebbe incoraggiato la Russia a invadere gli alleati della NATO che non pagano la loro parte, l’età del presidente Joe Biden ha preso il centro della scena nella campagna presidenziale degli Stati Uniti.
La cosa è stata scatenata dal rapporto del procuratore speciale che indagava sulla gestione dei documenti riservati da parte di Biden al termine del suo mandato come vicepresidente. Il procuratore speciale ha concluso che Biden, se perseguito legalmente, “probabilmente si presenterebbe alla giuria, come ha fatto durante il nostro interrogatorio, come un uomo anziano sensibile, ben intenzionato e con scarsa memoria”. La descrizione ha fatto infuriare la Casa Bianca e il presidente è comparso davanti ai giornalisti per difendersi.
Molti elettori pensano che Biden (81 anni) sia troppo vecchio per un altro mandato di quattro anni come presidente: in un recente sondaggio di ABC News/Ipsos, il 59% degli intervistati ha affermato che sia Biden che Trump (77 anni) sono troppo vecchi per ricoprire il mandato. Un altro 27% ritiene che solo Biden sia troppo vecchio. Il 3% ritiene che solo Trump sia troppo vecchio (👉 https://www.ipsos.com/…/majority-americans-think-both…).
Su The New York Times, l’editorialista di sinistra Michelle Goldberg sostiene che l’età di Biden sia un problema di immagine per la campagna elettorale, ma non un problema di governo. “Lo scorso autunno – racconta Golberg – mi sono ritrovata a una cena che includeva un ex funzionario dell’amministrazione Biden e un donatore democratico, e la conversazione si è spostata, naturalmente, sull’età del presidente Biden e sulle sue prospettive di rielezione. L’ex funzionario ha affermato che all’interno della Casa Bianca, dove le persone sperimentano in prima persona il processo politico decisionale, Biden è considerato dalla stragrande maggioranza come un ottimo leader che dovrebbe ricandidarsi. Il finanziatore, invece, ha visto Biden soprattutto alle raccolte fondi e assistere ai discorsi tortuosi del presidente lo ha terrorizzato riguardo all’imminente campagna elettorale. Il divario enorme nelle loro percezioni, penso che ci dica chiaramente che l’età di Biden ha danneggiato la sua capacità di condurre la campagna elettorale molto più della sua capacità di governare, il che crea un dilemma insormontabile per il Partito Democratico” (👉 https://www.nytimes.com/…/joe-biden-age-campaign.html).
Su The Atlantic, Helen Lewis ha scritto la scorsa settimana che l’età di Biden è ormai un argomento inevitabile e che i democratici al riguardo non sanno che pesci pigliare. “È più vecchio dell’hovercraft, del codice a barre e dell’etilometro”, ha scritto Lewis. “E lo sembra: il probabile avversario repubblicano di Biden, Donald Trump, un semplice debuttante a 77 anni, è posseduto da un’energia abbronzata e demoniaca che lo fa sembrare vigorosamente vivo, anche quando le sue parole non hanno senso. Joe Biden sembra che si stia trasformando in una statua di Joe Biden (…) Ma finora, la discussione sull’età di Biden tra i commentatori di sinistra è andata più o meno così: ‘Quindi, uh, Joe Biden è piuttosto vecchio. Dovremmo preoccuparci di questo?’ La constatazione non è andata a parare da nessuna parte, perché da essa non scaturisce nient’altro. Nessuno lo ha seriamente sfidato per la nomination (…) La discussione sul fatto se sia troppo vecchio per essere presidente è a un punto morto. Molte persone pensano che lo sia. Ma non possono farci nulla. Fine della discussione” (👉 https://www.theatlantic.com/…/biden-age-special…/677399/).
Meno male che, intanto, la vittoria del candidato democratico Tom Suozzi nell’elezione suppletiva di martedì nello stato di New York ha dato a Biden qualcosa di cui rallegrarsi.
✏️ La vignetta è di Mike Luckovich.
Argomenti
, , ,
Alessandro Maran
maran@perfondazione.eu

Già senatore del Partito democratico, membro della Commissione Esteri e della Commissione Politiche Ue, fa parte della presidenza di Libertàeguale. Parlamentare dal 2001 al 2018, è stato segretario regionale dei Ds del Friuli Venezia Giulia.

Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.