L'energia nucleare potrebbe aiutare l'Europa a tagliare i suoi legami con la Russia, ma non per diversi anni - Fondazione PER
19937
post-template-default,single,single-post,postid-19937,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

L’energia nucleare potrebbe aiutare l’Europa a tagliare i suoi legami con la Russia, ma non per diversi anni

Liz Alderman da Parigi, Stanley Reed da Londra*

Tratto da New York Times, 26 aprile 2022

Sulla costa ventosa di Flamanville, una città industriale nel nord-ovest della Francia che si affaccia sulle acque agitate del Canale della Manica, una cupola di cemento svettante ospita uno dei reattori nucleari più potenti del mondo.
Ma quando questo gigante enorme comincerà a fornire energia alla rete elettrica francese è un’ipotesi che nessuno può immaginare.
La costruzione è in ritardo di un intero decennio e 12 miliardi di euro, o 13 miliardi di dollari, rispetto al budget. I piani per iniziare le operazioni quest’anno sono stati rimandati ancora una volta, al 2024. E i problemi di Flamanville non sono unici. La più recente centrale nucleare finlandese, entrata in funzione il mese scorso, doveva essere completata nel 2009.
Mentre la guerra in Ucraina del presidente Vladimir V. Putin spinge l’Europa a rompere la sua dipendenza dal gas naturale e dal petrolio russo, il profilo dell’energia nucleare sta aumentando, promettendo un’energia prodotta in casa e un’elettricità affidabile.
L’energia nucleare potrebbe aiutare a risolvere l’incombente crisi energetica dell’Europa, dicono i sostenitori, completando un importante passo avanti che era già in corso prima della guerra per adottare l’energia solare, eolica e altre tecnologie rinnovabili per soddisfare gli ambiziosi obiettivi del cambiamento climatico.
“L’invasione di Putin ha ridefinito le nostre considerazioni sulla sicurezza energetica in Europa”, ha detto Fatih Birol, capo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia. Ha aggiunto: “Mi aspetterei che il nucleare possa fare un passo indietro in Europa e altrove come risultato dell’insicurezza energetica”.
Ma trasformare una rinascita nucleare in una realtà è irto di problemi.
La fretta di trovare alternative pronte al combustibile russo ha ingigantito una divisione politica in Europa sul nucleare, dato che un blocco di paesi pronucleari guidati dalla Francia, il più grande produttore atomico europeo, spinge per un aumento mentre la Germania e altri paesi che la pensano allo stesso modo si oppongono, citando i pericoli delle scorie radioattive. Un recente piano della Commissione europea per ridurre la dipendenza dalla Russia ha lasciato il nucleare fuori da una lista di fonti energetiche da considerare.
I lunghi ritardi e le eccedenze di costo che hanno perseguitato il massiccio progetto Flamanville-3, un reattore ad acqua pressurizzata all’avanguardia progettato per produrre 1.600 gigawatt di energia, sono emblematici di più ampie sfide tecniche, logistiche e di costo che affrontano un’espansione.
Un quarto di tutta l’elettricità nell’Unione europea proviene dall’energia nucleare prodotta in una dozzina di paesi da una flotta invecchiata che è stata costruita per lo più negli anni ’80. La Francia, con 56 reattori, produce più della metà del totale.
Una flotta di fino a 13 reattori nucleari di nuova generazione pianificati in Francia, utilizzando un design diverso da quello di Flamanville, non sarebbe pronta almeno fino al 2035 – troppo tardi per fare la differenza nell’attuale crisi energetica.
Dall’altra parte della Manica, la Gran Bretagna ha recentemente annunciato ambizioni per ben otto nuovi impianti nucleari, ma la realtà è più sobria. Cinque dei sei reattori britannici esistenti dovrebbero essere ritirati entro un decennio a causa dell’età, mentre solo una nuova stazione nucleare, un gigante francese a lungo ritardato che costa 20 miliardi di sterline a Hinkley Point nel sud-ovest dell’Inghilterra, è in costruzione. La sua prima parte dovrebbe essere online nel 2026.
Altri, presi in considerazione nell’Europa dell’Est, non dovrebbero entrare in funzione prima del 2030.
“Il nucleare richiederà molto tempo” perché i progetti richiedono almeno 10 anni per essere completati, ha detto Jonathan Stern, un ricercatore senior dell’indipendente Oxford Institute for Energy Studies.
“Il grande problema è staccarsi dal gas russo, e questo problema è ora – non tra un decennio, quando forse avremo costruito un’altra generazione di reattori nucleari”, ha aggiunto.
I sostenitori dicono che l’energia nucleare può essere una soluzione se c’è la volontà politica.
Il governo belga, in accordo con il partito dei Verdi del paese, ha rovesciato una decisione di eliminare gradualmente l’energia nucleare entro il 2025 e ha esteso la vita di due reattori per un altro decennio, mentre la Russia intensificava il suo assalto all’Ucraina il mese scorso. L’energia aiuterà il Belgio ad evitare di dipendere dal gas russo mentre costruisce fonti di energia rinnovabile, tra cui turbine eoliche e campi solari, per raggiungere gli obiettivi climatici europei entro il 2035.
“L’invasione dell’Ucraina ha cambiato la vita”, ha detto la settimana scorsa il ministro dell’energia del Belgio, Tinne Van der Straeten, spiegando l’inversione di marcia del governo. “Volevamo ridurre le nostre importazioni dalla Russia”.
Ma in Germania, che è più dipendente di qualsiasi altro paese europeo dal gas e dal carbone russo, l’idea di usare l’energia nucleare per superare una crisi energetica sembra non andare da nessuna parte.
La Germania dovrebbe chiudere i suoi ultimi tre impianti nucleari entro la fine dell’anno, il capitolo finale di un programma che i legislatori hanno approvato per eliminare gradualmente la flotta di 17 reattori del paese dopo il disastro nucleare di Fukushima, in Giappone, nel 2011.
Due delle più grandi compagnie energetiche tedesche hanno detto di essere aperte a posticipare lo spegnimento per aiutare a ridurre la dipendenza della nazione dalla Russia. Ma il partito dei Verdi, parte della coalizione di governo di Berlino, ha escluso di continuare a farle funzionare – per non parlare della riapertura di tre centrali nucleari che hanno chiuso a dicembre.
“Abbiamo deciso per ragioni che penso siano molto buone e giuste che vogliamo eliminarle gradualmente”, ha detto il cancelliere Olaf Scholz al Parlamento questo mese, aggiungendo che l’idea di ritardare l’uscita della Germania dal nucleare non era “un buon piano”.
Anche nei paesi che vedono l’energia nucleare come un’opzione valida, una serie di ostacoli si trova sulla strada. “Non accadrà da un giorno all’altro”, ha detto Mark Hibbs, un esperto nucleare del Carnegie Endowment for International Peace, un’organizzazione di ricerca.
I piani del presidente Emmanuel Macron per una rinascita dell’energia nucleare in Francia prevedono un’ondata di grandi e piccoli reattori atomici di nuova generazione ad un prezzo iniziale stimato di 50 miliardi di euro (57 miliardi di dollari) – un costo impressionante che altri paesi europei non possono o non vogliono assumersi. La costruzione non sarà veloce, ha riconosciuto, in parte perché l’industria ha anche bisogno di formare una nuova generazione di ingegneri nucleari.
“La maggior parte dei governi spinge e spinge, e anche se iniziano a costruire ci vuole molto tempo”, ha detto il Stern dell’Istituto di Oxford per gli studi sull’energia. “Tutte queste altre tecnologie stanno avanzando rapidamente e stanno diventando più economiche, mentre il nucleare non sta avanzando e sta diventando più costoso”.
Nel frattempo, molti dei vecchi reattori francesi, costruiti per forgiare l’indipendenza energetica dopo la crisi petrolifera degli anni ’70, sono stati messi in pausa per ispezioni di sicurezza, rendendo difficile per l’energia nucleare francese contribuire a colmare una stretta energetica russa, ha detto Anne-Sophie Corbeau del Center on Global Energy Policy della Columbia University.
“La produzione nucleare diminuirà in Francia quest’anno, a meno che non si trovi una soluzione magica, ma non c’è una soluzione magica”, ha detto.
Eppure, l’aggressione di Mosca può aiutare a invertire quello che era stato un arco di graduale declino dell’industria.
Recentemente c’è stata una serie di dichiarazioni ottimistiche. Oltre all’annuncio della Gran Bretagna questo mese di espandere la sua capacità nucleare, i Paesi Bassi, con un reattore, progettano di costruirne altri due per integrare l’energia solare, eolica e geotermica.
E nell’Europa dell’Est, un certo numero di paesi all’ombra della Russia hanno fatto piani per costruire flotte di reattori nucleari – una mossa che i sostenitori dicono che appare preveggente sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.
NuScale Power, un’azienda dell’Oregon che vende un nuovo progetto di reattore che sostiene che sarà più economico e veloce da costruire perché i componenti chiave saranno assemblati nelle fabbriche, ha firmato accordi preliminari in Romania e Polonia.
L’invasione della Russia ha rafforzato il “desiderio dei clienti di considerare il nucleare come parte del mix energetico complessivo per i loro portafogli”, ha detto Tom Mundy, il direttore commerciale della società.
Nuclearelectrica, la compagnia elettrica rumena, sta portando avanti sia un impianto NuScale che due reattori canadesi, per accompagnare un paio di impianti nucleari che generano circa il 20% dell’elettricità del paese, ha detto Cosmin Ghita, l’amministratore delegato.
“La crisi ucraina ci ha sicuramente mostrato la necessità di rafforzare la sicurezza energetica”, ha detto Ghita. “Stiamo ottenendo più trazione per i nostri progetti”.
Meike Becker, un analista di utilities a Bernstein, una società di ricerca, ha detto che a lungo termine, la guerra della Russia era probabile che “aiutasse l’idea europea” di essere più indipendente dall’energia.
“Questo è qualcosa che il nucleare può fornire”, ha aggiunto.

*Traduzione a cura di Marco Taradash

redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.