"L'Ucraina è viva e vegeta e la tirannia russa ha perso il controllo su di noi" - Fondazione PER
20134
post-template-default,single,single-post,postid-20134,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

“L’Ucraina è viva e vegeta e la tirannia russa ha perso il controllo su di noi”

di Volodymyr Zelensky

Discorso al Congresso Usa, 22 dicembre 2022

 

Grazie di cuore. Grazie mille, grazie a voi. E’ troppo per me, tutto questo per il nostro grande popolo, grazie di cuore.

Cari americani, tutti coloro che apprezzano la libertà e la giustizia, che le hanno a cuore come noi ucraini nelle nostre città, in ogni nostra famiglia – spero che le mie parole di rispetto e gratitudine risuonino in ogni cuore americano.

Signora vicepresidente, la ringrazio per il suo impegno a favore dell’Ucraina. Signora presidente, lei ha coraggiosamente visitato l’Ucraina durante la guerra. La ringrazio molto. È un grande onore. Grazie.

Sono molto onorato di essere qui. Cari membri del Congresso, rappresentanti di entrambi i partiti che hanno visitato Kiev, stimati deputati e senatori di entrambi i partiti che visiteranno l’Ucraina, ne sono certo, in futuro; cari rappresentanti della diaspora, presenti in quest’aula e sparsi in tutto il paese; cari giornalisti, è un grande onore per me essere al Congresso degli Stati Uniti e parlare a voi e a tutti gli americani.

Contro tutte le previsioni e gli scenari funesti, l’Ucraina non è caduta. L’Ucraina è viva e vegeta. Grazie. E questo mi dà una buona ragione per condividere con voi la nostra prima vittoria comune: abbiamo sconfitto la Russia nella battaglia per per i cuori e le menti del mondo. Non abbiamo paura, né dovrebbe averla nessuno al mondo. Gli ucraini hanno ottenuto questa vittoria, che ci dà il coraggio di ispirare il mondo intero.

Gli americani hanno ottenuto questa vittoria, ed è per questo che siete riusciti a unire la comunità internazionale per proteggere la libertà e il diritto internazionale. Gli europei hanno ottenuto questa vittoria, ed è per questo che l’Europa è ora più forte e più indipendente che mai. La tirannia russa ha perso il controllo su di noi. E non influenzerà mai più le nostre menti.

Tuttavia, dobbiamo fare tutto il necessario per garantire che anche i paesi del Sud globale ottengano questa vittoria. So un’altra cosa, a mio avviso molto importante: i russi avranno la possibilità di essere liberi solo quando sconfiggeranno il Cremlino nella loro mente. Tuttavia, la battaglia continua e dobbiamo sconfiggere il Cremlino sul campo di battaglia, sì.

Questa battaglia non è solo per il territorio, per questa o un’altra parte d’Europa. La battaglia non è solo per la vita, la libertà e la sicurezza degli ucraini o di qualsiasi altra nazione che la Russia tenta di conquistare. Questa battaglia definirà in quale mondo vivranno i nostri figli e nipoti, e poi i loro figli e nipoti.

La storia di questo paese è una delle più importanti del mondo, e definirà se ci sarà una democrazia per gli ucraini e per gli americani – per tutti. Questa battaglia non può essere congelata o rimandata. Non può essere ignorata, sperando che l’oceano o qualcos’altro fornisca una protezione. Dagli Stati Uniti alla Cina, dall’Europa all’America Latina, dall’Africa all’Australia, il mondo è troppo interconnesso e interdipendente per permettere a qualcuno di rimanere in disparte e allo stesso tempo di sentirsi al sicuro quando questa battaglia continua.

Le nostre due nazioni sono alleate in questa battaglia. E il prossimo anno sarà un punto di svolta, ne sono certo, il momento in cui il coraggio ucraino e la determinazione americana dovranno garantire il futuro della nostra libertà comune, la libertà delle persone che difendono i propri valori.

Ieri prima di venire qui a Washington  ero in prima linea nella nostra Bakhmut. Nella nostra roccaforte nell’est dell’Ucraina, nel Donbas. I militari e i mercenari russi stanno conquistando Bakhmut senza sosta da maggio. L’hanno attaccata giorno e notte, ma Bakhmut resiste.

L’anno scorso, 70.000 persone vivevano a Bakhmut, in questa città, e ora rimangono solo pochi civili. Ogni centimetro di quella terra è intriso di sangue; i cannoni suonano ogni ora. Le trincee nel Donbas cambiano di mano più volte al giorno in combattimenti feroci e persino in scontri a mani nude. Ma il Donbas ucraino resiste.

I russi usano tutto, tutto quello che hanno contro Bakhmut e altre nostre belle città. Gli occupanti hanno un vantaggio significativo nell’artiglieria. Hanno un vantaggio in munizioni. Hanno molti più missili e aerei di quanti ne abbiamo mai avuti noi. Ma le nostre forze di difesa resistono. E siamo tutti orgogliosi di loro.

La tattica dei russi è primitiva. Bruciano e distruggono tutto ciò che vedono. Hanno mandato dei delinquenti in prima linea. Hanno mandato dei detenuti in guerra. Hanno gettato tutto contro di noi, come l’altra tirannia, che si trova nella battaglia del Bulge, ha lanciato tutto ciò che aveva contro il mondo libero- E proprio come i coraggiosi soldati americani che hanno tenuto il fronte e hanno combattuto le forze di Hitler durante il Natale del 1944, i coraggiosi soldati ucraini stanno facendo lo stesso con le forze di Putin in questo Natale.

L’Ucraina mantiene le sue linee e non si arrenderà mai. Ecco, quindi, la linea del fronte, la tirannia che non manca di crudeltà contro le vite di persone libere – e il vostro sostegno è fondamentale, non solo per resistere a questa lotta, ma per arrivare al punto di svolta per vincere sul campo di battaglia.

Abbiamo l’artiglieria, sì. Grazie. Ce l’abbiamo. È sufficiente? Onestamente, non proprio. Per far sì che Bakhmut non sia solo una roccaforte che trattiene l’esercito russo, ma che l’esercito russo si ritiri completamente, sono necessari più cannoni e granate. Se così fosse, proprio come la battaglia di Saratoga, la lotta per Bakhmut cambierà la traiettoria della nostra guerra per l’indipendenza e la libertà.

Se i vostri missili Patriots fermeranno il terrore russo contro le nostre città, i patrioti ucraini potranno lavorare fino in fondo per difendere la nostra libertà. Quando la Russia non riesce a raggiungere le nostre città con l’artiglieria, cerca di distruggerle con attacchi missilistici. Inoltre, la Russia ha trovato un alleato in questa politica genocida: l’Iran. I droni letali iraniani inviati in Russia a centinaia sono diventati una minaccia per le nostre infrastrutture. È così che un terrorista ha trovato l’altro.

È solo questione di tempo: colpiranno altri vostri alleati se non li fermiamo subito. Dobbiamo farlo. Credo che non ci debbano essere tabù tra noi nella nostra alleanza. L’Ucraina non ha mai chiesto ai soldati americani di combattere sul nostro territorio al posto nostro. Vi assicuro che i soldati ucraini sono perfettamente in grado di manovrare da soli i carri armati e gli aerei americani.

Anche l’assistenza finanziaria è di fondamentale importanza e vorrei ringraziarvi, ringraziarvi molto, ringraziarvi sia per i pacchetti finanziari che ci avete già fornito sia per quelli che sarete disposti a decidere. Il vostro denaro non è beneficenza. È un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia che gestiamo nel modo più responsabile.

La Russia, la Russia potrebbe fermare la sua aggressione, davvero, se lo volesse, ma voi potete accelerare la nostra vittoria. Lo so. E questo dimostrerà a qualsiasi potenziale aggressore che nessuno può riuscire a infrangere i confini nazionali, nessuno può commettere atrocità e regnare sulle persone contro la loro volontà. Sarebbe ingenuo aspettare passi verso la pace dalla Russia, che si diverte ad essere uno stato terrorista. I russi sono ancora avvelenati dal Cremlino.

Il ripristino dell’ordine legale internazionale è il nostro compito comune. Abbiamo bisogno di pace, sì. L’Ucraina ha già offerto delle proposte, che ho appena discusso con il presidente Biden, la nostra formula di pace, 10 punti che dovrebbero e devono essere attuati per la nostra sicurezza comune, garantita per i decenni a venire e per il vertice che si può tenere.

Sono lieto di dire che oggi il presidente Biden ha appoggiato la nostra iniziativa di pace. Ognuno di voi, signore e signori, può contribuire all’attuazione per garantire che la leadership americana rimanga solida, bicamerale e bipartisan. Grazie.

Potete rafforzare le sanzioni per far sentire alla Russia quanto sia davvero rovinosa la sua aggressione. E’ davvero in vostro potere aiutarci a consegnare alla giustizia tutti coloro che hanno iniziato questa guerra criminale e non provocata. Facciamolo. Lasciate che i terroristi – lasciate che lo stato terrorista sia ritenuto responsabile del suo terrore e della sua aggressione e che risarcisca tutte le perdite causate da questa guerra. Che il mondo veda che gli Stati Uniti sono qui.

Signore e signori – signore e signori americani, tra due giorni festeggeremo il Natale. Forse a lume di candela. Non perché sia più romantico, no, ma perché non ci sarà elettricità. Milioni di persone non avranno né riscaldamento né acqua corrente. Tutto questo è il risultato degli attacchi russi con missili e droni alle nostre infrastrutture energetiche.

Ma noi non ci lamentiamo. Non giudichiamo e non ci paragoniamo a chi ha una vita più facile. Il vostro benessere è il prodotto della vostra sicurezza nazionale, il risultato della vostra lotta per l’indipendenza e delle vostre numerose vittorie. Anche noi ucraini affronteremo la nostra guerra per l’indipendenza e la libertà con dignità e successo.

Festeggeremo il Natale. Festeggeremo il Natale e, anche se non ci sarà elettricità, la luce della  fiducia in noi stessi non si spegnerà. Se i missili russi ci attaccheranno, faremo del nostro meglio per proteggerci. Se ci attaccheranno con i droni iraniani e la nostra gente dovrà andare nei rifugi antiatomici la vigilia di Natale, gli ucraini si siederanno comunque a tavola per le feste e si rallegreranno a vicenda. E non dobbiamo conoscere i desideri di tutti, perché sappiamo che tutti noi, milioni di ucraini, desideriamo la stessa cosa: la vittoria. Solo la vittoria.

Insieme a voi abbiamo già costruito un’Ucraina forte, con un popolo forte, un esercito forte, istituzioni forti. Abbiamo sviluppato insieme a voi forti garanzie di sicurezza per il nostro paese e per l’intera Europa e il mondo. E sempre insieme a voi, rimetteremo al suo posto chiunque voglia sfidare la libertà. Lo rimetteremo al suo posto.

Questa sarà la base per proteggere la democrazia in Europa e nel mondo. Ora, in questo speciale periodo natalizio, voglio ringraziare tutti voi. Ringrazio tutte le famiglie americane che hanno a cuore il calore della propria casa e che desiderano lo stesso calore per gli altri. Ringrazio il presidente Biden ed entrambi i partiti, al Senato e alla Camera, per la vostra preziosa assistenza. Ringrazio le vostre città e i vostri cittadini che hanno sostenuto l’Ucraina quest’anno, che hanno ospitato i nostri ucraini, la nostra gente, che hanno sventolato le nostre bandiere nazionali, che hanno fatto di tutto per aiutarci. Grazie a tutti voi, da tutti coloro che ora sono in prima linea, da tutti coloro che attendono la vittoria.

Oggi, stando qui, ricordo le guerre del presidente Franklin Delano Roosevelt, che penso siano così adatte a questo momento. Il popolo americano, con la sua giusta forza, vincerà fino alla vittoria assoluta. Anche il popolo ucraino vincerà, assolutamente.

So che tutto dipende da noi, dalle forze armate ucraine, ma molto dipende dal mondo. Molto nel mondo dipende da voi. Quando ieri ero a Bakhmut, i nostri eroi mi hanno dato la bandiera, la bandiera di battaglia, la bandiera di coloro che difendono l’Ucraina, l’Europa e il mondo a costo della loro vita. Mi hanno chiesto di portare questa bandiera a voi, al Congresso degli Stati Uniti, ai membri della Camera dei Rappresentanti e ai senatori le cui decisioni possono salvare milioni di persone.

Quindi, lasciate che queste decisioni vengano prese. Lasciate che questa bandiera rimanga con voi, signore e signori. Questa bandiera è il simbolo della nostra vittoria in questa guerra. Resistiamo, combattiamo e vinceremo perché siamo uniti: l’Ucraina, l’America e tutto il mondo libero.

Solo una cosa, se posso, l’ultima – grazie mille, che Dio protegga le nostre coraggiose truppe e i nostri cittadini, che Dio benedica per sempre gli Stati Uniti d’America. Buon Natale e un felice e vittorioso anno nuovo. Slava Ukraini.

redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.