Perché la vittoria dell’Ucraina è importante per la democrazia, per l’Europa, per il mondo intero - Fondazione PER
19962
post-template-default,single,single-post,postid-19962,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Perché la vittoria dell’Ucraina è importante per la democrazia, per l’Europa, per il mondo intero

di Timothy Snyder, autore di “Principe rosso”, “Terre di sangue”, “Venti lezioni per salvare la democrazia”

“Se gli ucraini non avessero combattuto, se gli ucraini avessero capitolato, il nostro futuro, il futuro della democrazia, sarebbe molto cupo in questo momento”. Su invito del Forum sulla sicurezza di Kiev, l’eminente storico americano Timothy Snyder ha elencato dieci motivi per cui la vittoria dell’Ucraina nella guerra contro la Russia è importante per l’umanità. Ecco il suo discorso.
“Sono Timothy Snyder, sono uno storico e mi è stato chiesto di parlarvi del significato di una vittoria ucraina.
Stiamo tutti pensando alla vittoria o almeno alla fine della guerra mentre ci avviciniamo a maggio. Quello di cui sto per parlarvi è il significato di questa guerra e di come questa guerra potrebbe finire o come deve finire.
Il primo, forse il più fondamentale, è che la vittoria dell’Ucraina, a mio avviso, è l’unico modo per raggiungere la pace. Presumibilmente tutte le persone vorrebbero che questa guerra finisse. Credo che la vittoria dell’Ucraina sia l’unico modo per porre fine a questa guerra. Una vittoria russa porterà a un’ulteriore aggressione russa. Una capitolazione ucraina porterà alla continuazione delle politiche di atrocità sul territorio ucraino. L’unico modo in cui credo che questa guerra possa effettivamente finire è con una vittoria ucraina, cioè con un successo ucraino sul campo di battaglia tale da far credere alla Russia che sia nel suo interesse negoziare.
In secondo luogo, credo che la vittoria ucraina sia importante per la sicurezza della regione. L’unico modo per proteggere la popolazione ucraina è la vittoria ucraina. Ma credo che sia molto importante anche per le popolazioni dei Paesi baltici, della Polonia, della Romania e della Moldavia che l’aggressione russa contro i Paesi vicini non abbia successo.
Il terzo motivo per cui ritengo importante la vittoria ucraina ha a che fare soprattutto con i cittadini dell’Ucraina. Non c’è altro modo per proteggere i cittadini ucraini, credo, che la vittoria ucraina. Finché la guerra continuerà, i cittadini ucraini sotto l’occupazione russa saranno soggetti a deportazioni e ad altre forme di atrocità. Gli ucraini che non sono sotto l’occupazione russa sono vulnerabili ai bombardamenti e agli spari. L’unico modo per mettere al sicuro i 40 milioni di ucraini è che la guerra cessi, e l’unico modo perché la guerra cessi è la vittoria ucraina.
La quarta ragione, a mio avviso estremamente importante, ha a che fare con la difesa di una democrazia. Una delle ragioni per cui questa guerra viene combattuta è che l’Ucraina è una democrazia. L’Ucraina ha un sistema politico imprevedibile che dà vita a combinazioni imprevedibili, a leader imprevedibili. È questa imprevedibilità, è questa incapacità di sapere cosa succederà dopo che credo sia così intollerabile per Putin e per questo tipo di regime russo. Quindi, uno dei motivi per cui è importante che l’Ucraina vinca questa guerra è che una democrazia possa proteggersi.
Ma credo, e questo è il mio prossimo punto numero cinque, che sia importante per le democrazie in quanto tali. Se la Russia dovesse vincere questa guerra, sarebbe una grande vittoria per tutte le forze che si oppongono alla democrazia, per tutte le persone che intendono usare la violenza di un tipo o di un altro per rovesciare le democrazie. Se l’Ucraina vincesse, sarebbe una vittoria per coloro che credono nel diritto, che desiderano tenere elezioni, che desiderano che i loro leader siano responsabili, e soprattutto per coloro che sono disposti a rischiare per tutte queste cose importanti.
Inoltre, e questa è la ragione numero sei, la vittoria dell’Ucraina è anche una vittoria di uno Stato tradizionalmente visto come periferico, tradizionalmente visto come coloniale, contro una potenza che si considerava centrale e imperiale. Le guerre imperiali come sappiamo, soprattutto quelle del XIX e XX secolo, appartengono a una certa fase dello sviluppo politico. Le guerre imperiali continueranno finché le potenze imperiali crederanno di poterle vincere. Tutte le potenze europee, e molte altre, arrivano a un punto in cui si rendono conto che saranno esaurite dalla guerra imperiale e questo, francamente, è molto positivo, un bene per tutti gli interessati. Quindi, poiché si tratta di una guerra imperiale, una guerra in cui la leadership russa sostiene che non c’è un popolo ucraino, non c’è uno Stato ucraino, una vittoria dell’Ucraina è importante per difendere il principio fondamentale secondo cui le nazioni sono uguali e gli Stati meritano rispetto. In altre parole, la vittoria dell’Ucraina è un’ulteriore spinta verso un mondo post-imperiale.
A proposito di un mondo post-imperiale, la mia settima ragione per credere che la vittoria ucraina sia importante ha a che fare con il ricordo della Seconda Guerra Mondiale. Secondo Putin, la lezione della Seconda Guerra Mondiale è che abbiamo bisogno di più guerra. Secondo Putin, la lezione della sconfitta del fascismo è che abbiamo bisogno di più fascismo. Secondo Putin, la lezione della sconfitta dell’imperialismo è che abbiamo bisogno di più imperialismo. Secondo Putin, la lezione della Seconda Guerra Mondiale è che la parola “nazista” significa qualsiasi cosa lui voglia e può essere usata come un discorso di odio contro chiunque sia il suo nemico preferito. Questa è una lettura della Seconda guerra mondiale. Non è una lettura della Seconda Guerra Mondiale che dovrebbe prevalere.
Credo sia molto importante, mentre si combatte questa guerra, considerarla, ammesso che le persone lo facciano, alla luce della Seconda guerra mondiale. Ma in particolare considerarla come un’opportunità per preservare alcune virtù che molti di noi ritengono siano state rafforzate da quella guerra o avrebbero dovuto esserlo. La tolleranza per le differenze, ad esempio. L’importanza dello Stato di diritto e del pluralismo, per esempio. L’importanza della cooperazione tra le democrazie, per esempio.
Numero otto. Credo che la vittoria ucraina sia molto importante anche per il futuro della Russia. Per essere molto chiari, non mi aspetto che gli ucraini pensino a questo fattore, ma per il resto di noi, che siamo preoccupati per la sicurezza dell’Europa e del mondo, è molto importante il tipo di Russia con cui vivremo nei decenni a venire. Affinché la Russia diventi un Paese normale, in cui gli interessi russi siano rispettati dai leader russi, è molto importante che la Russia perda questa guerra. È molto importante che i russi smettano di perseguire una politica estera che consiste nell’accaparrarsi terre sulla base di miti del tutto insostenibili. Credo che sia molto importante per la Russia, per i russi e per i futuri governi russi essere in grado di pensare al futuro della Russia e alla realtà degli interessi russi. E credo che una sconfitta su questo campo di battaglia, anche se vorrei che non ci fosse un campo di battaglia e che non ci fosse una guerra, credo che la sconfitta su questo campo di battaglia sarà un passo avanti verso questo tipo di Russia. Una Russia in cui i russi siano in grado di pensare a un futuro lontano dall’imperialismo. Una Russia in cui il passato forse pesa un po’ meno come mito sulle decisioni del Presidente. Una Russia in cui si possano considerare gli interessi e il futuro.
Numero nove. L’Ucraina deve vincere questa guerra perché l’Ucraina, come tutti sanno, è un’importante fonte di cibo per il resto del mondo. Nella storia del XX secolo l’Ucraina è stata oggetto di colonizzazione da tutte le parti, grazie al suo terreno fertile. Nella guerra attuale osserviamo come la Russia espropri illegalmente i prodotti agricoli ucraini e come blocchi illegalmente il resto del mondo dalle esportazioni agricole ucraine. Se questa guerra dovesse continuare in questo modo, le popolazioni dell’Africa, del Medio Oriente e di altre parti del mondo saranno minacciate da un’anticipata e poi reale scarsità di cibo. Il che avrà come conseguenza non solo, credo, fame e morte, ma anche instabilità politica. La vittoria ucraina e la riapertura del commercio mondiale impediranno tutto questo.
Decimo, infine, ultimo ma non meno importante, e in qualche modo riassuntivo di tutti gli altri punti. La vittoria ucraina è necessaria per aiutare a orientare verso il futuro non solo gli ucraini, ma anche tutti noi. In un certo senso, il problema della propaganda russa è un problema che tutti noi condividiamo, forse in forma meno acuta. La propaganda russa è tutta incentrata sul passato, sul modo in cui le cose sono predeterminate, sulla ricerca di una sorta di momento in un certo punto della storia in cui noi avevamo ragione e tutti gli altri avevano torto. Ma non è questo ciò di cui abbiamo bisogno. Noi, tutti abbiamo bisogno di un futuro. Abbiamo bisogno di una politica del futuro; abbiamo bisogno di un evento che ci faccia uscire dalla nostra routine e che ci indichi un futuro. Credo sia molto importante che gli europei e gli altri contribuiscano a offrire agli ucraini un futuro dopo questa guerra, sotto forma di adesione all’Unione Europea e di aiuti generosi che consentano agli ucraini di ricostruire.
Ma credo che il processo vada in due direzioni. Penso che se siamo aperti e generosi nel modo in cui guardiamo all’Ucraina, nel modo in cui guardiamo a questa guerra, possiamo vedere che gli ucraini stanno offrendo un futuro anche a noi.
Se gli ucraini non avessero combattuto, se gli ucraini avessero capitolato, il nostro futuro, il futuro della democrazia, sarebbe molto cupo in questo momento. Poiché gli ucraini hanno resistito, poiché gli ucraini stanno combattendo, hanno fatto guadagnare tempo alle altre democrazie.
Credo che questo tempo debba essere utilizzato per pensare al futuro. Non solo un futuro in cui l’Ucraina si unisca ad altre democrazie in diverse forme di cooperazione, ma anche un futuro in senso più ampio in cui una vittoria ucraina dimostri che l’azione individuale conta, che le persone possono assumersi delle responsabilità, che il ventaglio di possibilità è più ampio di quanto pensiamo, che ci sono cose che possono accadere in futuro che forse sono migliori di quanto pensiamo.

L’Ucraina o la vittoria ucraina ci indicano anche questa direzione.”

Tratto da Infopost del 10 maggio 2022

redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.