Altro che "meno peggio". Il riformismo alla prova | Fondazione PER
17918
page-template-default,page,page-id-17918,page-child,parent-pageid-16165,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Altro che “meno peggio”. Il riformismo alla prova

QUADERNO N°13 – 2020

Fondazione PER presenta il quaderno dal titolo
“Altro che ‘meno peggio’. Il riformismo alla prova”.

Nel corso dell’estate 2020 si è sviluppato un dibattito politico surreale: una gran confusione tra riformismo e pragmatismo, fino al punto di ridurre il primo alla ricerca del “meno peggio“. Sarebbe opportuno costruire viceversa una analisi più sensata che, a partire dalle fondamenta storico-culturali del riformismo, sia capace di fare i conti con le novità emerse nel contesto politico globale e con le trasformazioni sociali che hanno rimescolato idee e aspirazioni degli elettorati. E poi serve finalmente mettere mano alle riforme necessarie: per esempio, in campo economico, scolastico e istituzionale. In questo quaderno la Fondazione PER offre scenari e proposte per il futuro dell’azione riformista. Le immagini sono di Karan Singh, artista e illustratore australiano, oggi residente ad Amsterdam.

Tra scienza, agricoltura e politica:
le false credenze su Covid-19

Quale Stato dopo la crisi da pandemia? Solo quello che serve

Più libertà per aiutare i più deboli.
La lezione di Alberto Alesina

La raccolta di Quaderni PER