Mobilità sostenibile e amministrazione pubblica: Il Pnrr alla prova del Sud - Fondazione PER
19778
page-template-default,page,page-id-19778,page-child,parent-pageid-16165,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Mobilità sostenibile e amministrazione pubblica: Il Pnrr alla prova del Sud

QUADERNO N°1 – 2022

Fondazione PER presenta il quaderno dal titolo
“Mobilità sostenibile e amministrazione pubblica: Il Pnrr alla prova del Sud”

L’Italia deve recuperare un declino economico, istituzionale e sociale cresciuto proprio nei tre decenni più recenti, quelli della maggiore diseguaglianza nella destinazione territoriale degli investimenti più innovativi. Per questo a vantaggio del nostro paese intero e dell’Europa può e deve correre soprattutto il Sud.

Come Fondazione Per abbiamo deciso di rifare il punto rispetto alla riflessione di inizio 2001 (v. il Quaderno 1-2021 dal titolo “Il Mezzogiorno in movimento. Proposte e progetti verso il Next Generation EU”) a PNRR completato, già pre-finanziato, ed avviato a realizzazione nelle misure preliminari insieme all’annuncio di un dibattito pubblico sulle grandi opere. Tornano qui ad esprimersi gli stessi autori (Giannola, Nuzzolo-Rindone, Russo, Sebastiani, Spirito, Trigilia). Data la rilevanza della parte del piano riservata alle riforme e alla governance, godiamo in questa occasione anche del contributo di uno dei maggiori studiosi della nostra Pubblica amministrazione, Guido Melis.

Il Piano è molto ricco, tuttavia emergono molti punti di criticità riguardo soprattutto al Sud e agli investimenti sulla mobilità sostenibile. Li abbiamo evidenziati proprio perché vengano evitati errori e sprechi che metterebbero in discussione gli stessi obiettivi dichiarati del programma.

Sturzo 150:
una bussola liberale per il riformismo italiano

Salti inventivi e distruzione creatrice:
non c’è innovazione senza evoluzione

A 50 anni da “Teoria della Giustizia”.
Il senso di John Rawls – e di Salvatore Veca –
per il liberalsocialismo italiano

La raccolta di Quaderni PER