Sturzo 150: una bussola liberale per il riformismo italiano - Fondazione PER
19572
page-template-default,page,page-id-19572,page-child,parent-pageid-16165,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Sturzo 150: una bussola liberale per il riformismo italiano

QUADERNO N°6 – 2021

Fondazione PER presenta il quaderno dal titolo
“Sturzo 150: una bussola liberale per il riformismo italiano”

Il 2021 è l’anno del 150° dalla nascita di Luigi Sturzo (26 novembre 1871). Il pensiero del presbitero, intellettuale e politico siciliano – fondato sui principi di libertà e responsabilità individuale, sull’allargamento della democrazia alle masse popolari, sulla proiezione laburista – è un esempio di liberalismo sociale ancora attuale. La sua opposizione alle derive del Novecento – totalitarismi, populismi, dirigismo economico, partitocrazia, spreco di risorse pubbliche – è un insegnamento che dovrebbe ancora ispirare il riformismo contemporaneo. Ciò nonostante, la figura di Sturzo resta ampiamente sottovalutata sia in ambito accademico che in ambito politico. I contributi di questo quaderno cercano di spiegare i motivi di questa rimozione e di cogliere l’attualità e la modernità della suo approccio metodologico.

Come cambia il lavoro dopo la pandemia

Da De Gasperi a Draghi,
nel segno del Patto Atlantico e della ripresa economica

Salti inventivi e distruzione creatrice:
non c’è innovazione senza evoluzione

La raccolta di Quaderni PER