Verso un nuovo ordine mondiale: quali sfide per l'agricoltura italiana ed europea? - Fondazione PER
20369
page-template-default,page,page-id-20369,page-child,parent-pageid-16165,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Verso un nuovo ordine mondiale: quali sfide per l’agricoltura italiana ed europea?

QUADERNO N°3 – 2023

Fondazione PER presenta il quaderno dal titolo
“Verso un nuovo ordine mondiale: quali sfide per l’agricoltura italiana ed europea?”

Gli effetti dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno fatto riemergere qualcosa che, nel lungo periodo di pace iniziato nel dopoguerra, avevamo rimosso: e cioè che la disponibilità di beni alimentari gioca sempre un ruolo strategico nei conflitti tra i Paesi. L’Ue è oggi la prima “potenza” agricola del mondo. Ma è un “nano” politico. E rischia, con le insensate strategie proposte dalla Commissione, come il “Farm to Fork”, di indebolirsi sul piano produttivo e tecnologico. L’Unione potrà svolgere un ruolo di primo piano nello scacchiere mondiale e tentare di guidare l’edificazione di un nuovo ordine, se innanzitutto si dota di una testa politica e di una legittimazione democratica, riformando i trattati. E deve darsi anche politiche adeguate a mantenere e irrobustire la sua performance agricola. Si tratta di eliminare ogni blocco all’effettiva introduzione dell’innovazione scientifica nelle tecnologie produttive (OGM e nuove tecniche genomiche) e di definire tipologie di intervento per garantire gli approvvigionamenti alimentari. La guerra sta ragionevolmente spingendo le democrazie a ridurre la loro dipendenza dalle autocrazie per le risorse necessarie al loro sviluppo e alla loro sicurezza. Nell’immediato, questa risposta ha certamente un senso. Ma deglobalizzare renderà difficili le soluzioni dei problemi a scala planetaria, come, ad esempio, le migrazioni e il contrasto ai cambiamenti climatici e alle povertà. Il ritorno alla logica delle grandi potenze non conviene a nessuno. Bisogna, pertanto, impedire una involuzione dell’ordine liberale multilaterale.

Radiografia del populismo italiano

Non c’è più tempo.
Il Ponte di Messina da interesse nazionale a urgenza europea

Ridare slancio al regionalismo.
Analisi del disegno di legge Calderoli

La raccolta di Quaderni PER