Von der Leyen, Next Generation EU: un piano di ripresa per l'Europa | Fondazione PER
17324
post-template-default,single,single-post,postid-17324,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Von der Leyen, Next Generation EU: un piano di ripresa per l’Europa

di Ursula von der Leyen

 

Pubblichiamo il discorso della presidente von der Leyen alla plenaria del Parlamento europeo sul pacchetto di ripresa dell’UE – 27 maggio 2020

 

Signor Presidente,
Onorevoli deputati,
L’Europa è una storia di generazioni. E ogni generazione di europei ha la sua storia. Per la generazione che ha fondato la nostra Unione, la storia ha riguardato la costruzione di una pace duratura dove c’erano solo sofferenza, dolore e distruzione. Per la generazione che seguì, l’obiettivo è stato quello di perseguire la prosperità e la libertà attraverso l’unità del nostro mercato unico e della nostra moneta unica. La nostra storia successiva si è concentrata sul ricongiungimento della nostra famiglia europea superando la separazione con i nostri fratelli e sorelle dell’est e accogliendoli nella casa comune, nel cuore della nostra Unione.

Tutte quelle generazioni, e tutte quelle conquiste storiche, sono state costruite su quelle precedenti e hanno ispirato quelle successive. Ogni generazione ha dovuto scegliere tra camminare da soli o andare avanti insieme – con visione e ambizione – verso la stessa destinazione. In questi momenti decisivi, abbiamo sempre deciso di fare un salto in avanti insieme. Perché le misure più audaci saranno sempre le più sicure per l’Europa. Questo è ciò che ci ha permesso di costruire un’Unione di pace e prosperità senza pari o precedente in qualsiasi parte del mondo.

 

Onorevoli deputati,
oggi affrontiamo un momento decisivo per noi. Ciò che è iniziato con un virus così piccolo da essere invisibile all’occhio, si è trasformato in una crisi economica così grande che non può che travolgerti. Il nostro modello unico nel mondo, costruito in 70 anni, è stato messo alla prova come mai prima nella storia della nostra Unione. I beni comuni europei che abbiamo costruito insieme sono stati danneggiati. Le cose che diamo per scontate sono messe in discussione.

C’è il Mercato uUnico che deve ripartire. C’è il campo da gioco che deve essere creato ancora una volta. E ci sono quattro libertà che devono essere completamente ripristinate.

La crisi ha enormi ricadute in tutti i paesi. Nulla di tutto ciò può essere risolto da un singolo paese da solo. Un’impresa che magari è fallita in uno Stato membro può diventare un interlocutore affidabile per le sue attività in un altro paese. Un’economia in difficoltà in una parte dell’Europa, indebolisce un’economia forte in un’altra parte.

Tutto ciò ci riguarda tutti. Ed è molto più grande di ciascuno di noi. Questo è il momento dell’Europa. Vediamo il crollo economico, fiscale e sociale nei nostri Stati membri. Disparità e diseguaglianze si allargano. Complesse questioni di sovranità e condivisione degli oneri devono essere equilibrate.

E così di nuovo davanti a noi c’è la stessa scelta binaria. O andiamo tutti da soli; lasciando indietro paesi, regioni e persone e accettando un’Unione di chi ha e di chi non ha, oppure camminiamo insieme lungo questa strada.

Facciamo quel salto in avanti. Prepariamo una strada sicura per i nostri popoli e per la prossima generazione. Per me la scelta è semplice. Voglio che facciamo un nuovo audace passo insieme. L’Europa è in una posizione unica per poter investire in una ripresa collettiva e in un futuro comune. Nella nostra Unione, le persone, le imprese e le economie dipendono e si affidano l’una all’altra. Nella nostra Unione, coesione, convergenza e investimenti fanno bene a tutti. E nella nostra Unione, sappiamo che le misure più audaci sono veramente le più sicure per il nostro futuro.

Ecco perché oggi la Commissione propone un nuovo strumento di ripresa, chiamato Next Generation EU, per un valore di 750 miliardi di euro. Si colloca in cima a un rinnovato bilancio a lungo termine dell’UE di 1.100 miliardi di euro. Nella proposta che presentiamo oggi, l’insieme di Next Generation EU e del Quadro Finanziario Programmatico di base ammonta a un totale di 1.850 miliardi di euro. Accanto alle tre reti di sicurezza di 540 miliardi di euro di prestiti, già concordate dal Parlamento e dal Consiglio. In breve, ciò porterebbe i nostri sforzi di recupero a un totale di 2.400 miliardi di euro.

Onorevoli deputati,
consentitemi di spiegare come funzionerà Next Generation EU. Il denaro verrà raccolto alzando temporaneamente il massimale delle risorse proprie, per consentire alla Commissione di utilizzare il suo rating di credito molto elevato per prendere in prestito denaro sui mercati finanziari. Questa è una necessità urgente ed eccezionale per una crisi urgente ed eccezionale.
Ecco perché la prossima generazione dell’UE dovrà:
– investire nella riparazione del nostro tessuto sociale,
– proteggere il nostro Mercato Unico,
– aiutare a riequilibrare i bilanci in tutta Europa.

E mentre lo stiamo facendo, dobbiamo avanzare rapidamente verso un futuro verde, digitale e resiliente. Questo è il futuro della prossima generazione europea.

Questa generazione che è connessa a livello globale e si sente responsabile per il nostro mondo, il nostro pianeta. Con una visione chiara volta alla promozione della dignità umana e dello stato di diritto. Impegnata a rendere i governi più responsabili nella lotta ai cambiamenti climatici e nella tutela della nostra natura. Guidata dalla fede nell’Europa e dalla convinzione che la nostra Unione debba lottare per il meglio.

Pertanto, oltre che mostrare solidarietà per superare la crisi di oggi, propongo un nuovo Patto Generazionale per domani. Sì, gli effetti di questa crisi ci costringono a fare investimenti su una scala senza precedenti. Ma lo faremo in modo che la prossima generazione europea ne trarrà beneficio in futuro. Investimenti che non solo preserveranno i risultati eccezionali degli ultimi 70 anni, ma che garantiranno che la nostra Unione sia attenta al clima, digitale, sociale e continui ad essere un forte attore globale anche in futuro.
A tal fine, Next Generation EU dirigerà la sua enorme potenza di fuoco finanziaria per investire nelle nostre priorità comuni attraverso programmi europei. Vorrei sempre garantire che quest’Aula abbia piena voce in capitolo sulle decisioni cruciali per la nostra Unione. La mia proposta di investire questi fondi tramite programmi nel nostro bilancio europeo ha esattamente questo obiettivo. Next Generation EU ripristinerà e ricostruirà il nostro Mercato Unico, grande generatore di innovazione, prosperità e opportunità. Tutti gli Stati membri devono investire in tecnologie che stimoleranno la ripresa attraverso nuove innovazioni e industrie pulite. Next Generation EU rafforza il Green Deal europeo e Horizon Europe e investirà in infrastrutture chiave, dal 5G al rinnovamento delle abitazioni. Allo stesso tempo, dobbiamo garantire che la transizione verso un’economia neutrale dal punto di vista climatico non lasci indietro nessuno. Next Generation EU moltiplicherà quindi i finanziamenti per il Fondo di transizione giusta. Allo stesso modo, nessuno Stato membro dovrebbe scegliere tra rispondere alla crisi o investire nel nostro popolo. Nessuno Stato membro dovrebbe scegliere tra rispondere alla crisi o investire nel nostro popolo. Pertanto, Next Generation EU aumenta il sostegno al progetto Easmus e all’occupazione giovanile. Lo scopo è che le persone ottengano le competenze, la formazione e l’educazione di cui hanno bisogno per adattarsi a questo mondo in rapido cambiamento.

Next Generation EU aiuterà quelle aziende perfettamente sane che hanno preso le giuste decisioni e investimenti nel corso di decenni – ma che ora si trovano a rischio perché i concorrenti di altri Stati membri hanno un migliore accesso al denaro pubblico o privato per ottenere nuovi capitali. Investirà nelle principali industrie e tecnologie europee per rendere più resistenti le catene di approvvigionamento fondamentali. Garantirà che l’Europa rimanga all’avanguardia in settori chiave come l’intelligenza artificiale, l’agricoltura di precisione o l’ingegneria verde. E Next Generation EU contribuirà a rendere i nostri sistemi sanitari più resistenti in vista delle crisi future.

Questo investimento sarà un nuovo bene comune europeo. Mostrerà il valore vero e tangibile di far parte dell’Unione. E sarà di proprietà di tutti noi. In totale, la Commissione raccoglierà 750 miliardi di euro per Next Generation EU. Di tale importo, 500 miliardi di euro saranno distribuiti a titolo di sovvenzioni e 250 miliardi di euro in forma di prestiti trasferiti agli Stati membri.

 

Onorevoli deputati,

vorrei essere chiara: queste sovvenzioni rappresentano un investimento comune sul nostro futuro. Non hanno nulla a che fare con i debiti passati degli Stati membri. Saranno canalizzati attraverso il bilancio europeo. E questo limiterà il contributo di ciascun paese secondo una formula fissa. Le sovvenzioni saranno chiari investimenti nelle nostre priorità europee: rafforzare il nostro mercato unico digitale, il Green Deal europeo e la resilienza. E il bilancio dell’UE ha sempre incluso sovvenzioni. Questa non è una novità. Sovvenzioni per investimenti mirati e riforme, per una maggiore coesione e per la convergenza degli standard di vita in Europa. E la nostra Unione Europea è la prova vivente che funziona. Questa Unione ha aumentato la prosperità e il tenore di vita in tutti gli Stati membri. E gli investimenti effettuati attraverso il bilancio dell’UE sono stati ripagati da tutti, molte volte! Ed è esattamente ciò che Next Generation EU farà per tutti noi. Investiamo insieme nel futuro dell’Europa e rimborseremo tutto secondo una formula nota e ben collaudata attraverso i futuri bilanci dell’UE.

Questo è il motivo per cui la Commissione proporrà inoltre una serie di nuove risorse proprie. Queste nuove risorse potrebbero provenire da una tassa sullo scambio di emissioni, da una tassa sull’emissione di C02 per controbilanciare le importazioni di prodotti a basso costo dall’estero che danneggiano il clima e da una nuova digital tax. Qui dobbiamo essere ambiziosi e conto sul vostro supporto.

 

Onorevoli deputati,
Ora è il momento di prendere la decisione giusta. A coloro che temono il costo dell’investimento, dico che il costo dell’inazione sarà ben più caro.
Insieme dobbiamo gettare le basi per il nostro futuro. E dobbiamo assicurarci che la nostra risposta sia all’altezza di questa crisi cruciale, accidentale e davvero straordinaria. Quindi dico: mettiamo da parte i nostri vecchi pregiudizi. E riscopriamo il potere dell’idea di un’Europa unita. La crisi che dobbiamo affrontare è enorme. Ma è anche un’enorme opportunità per l’Europa. Ed è una grande responsabilità per noi fare in questo momento decisivo la cosa giusta. Ora possiamo porre le basi per un’Unione che sia neutrale dal punto di vista climatico, digitale e più resistente che mai. Settant’anni fa i nostri padri e madri fondatori hanno compiuto il primo passo coraggioso per creare un’Unione di pace e prosperità. Oggi è il momento di scrivere nella storia il capitolo della nostra generazione e fare un altro passo coraggioso verso un’Unione più forte. Lo dobbiamo alle generazioni future.

Lunga vita all’Europa!

Avatar
redazione
red@perfondazione.eu
Nessun commento

Rispondi con un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.